9 3 4 : ;

 

 

 

Ancheu che tanti s'mpan a bocca a it a Fiumara

dove o Poneivia o va a caccise n m,

ch, a-o de s do sciumme, noitri fggeu de vei, anni fa,

ghe dvimo a Scciumma, no cosc bella: magara!

 

A spiaggia a l'a comme 'na zona franca

sensa gabinn-e, sdraio e ombrelloin;

appenn-a. despeuggi, a fvimo da padron

e z a bollse inte onde co-a cresta gianca,

 

E nostre strasse e lascivimo l ammugg

con de pre in imma comme fermacarte,

an du strofoggi pure se resarsii con arte:

doveivan ancon arriv marioli firm.

 

In spiaggia bastava 'n ballon pe' ti tardi

con l'intension de emul Piola o Levratto,

oppure an a pe' muscoli o gritte, che scentvan in sce l'atto

de vddine pe ascndse a-i nostri sguardi.

 

Quello camponio de umanit che mai ascord:

donne n fdette neigre, mandillo gianco a-o collo,

mo attente a- fggeu, mze veste, i p a mollo,

figge pate e pens all'euio de merlsso piggiu a go-g.

 

Chi comensavan e belle spiagge da Riva

che cian ciann o progresso o n' privu;

quelle do Castello Raggio, de Calcinara, nommi do passu,

e quelle de Corniggen, in testa, ascse sott'a 'na ferra.

 

Pe dla con Frpo inta bella Corniggen, tempo fa,

ghe son stti 'na Reginn-a, 'n Pappa e di Prinipotti;

noitri aivimo da f con di battusi "Cornigotti"

che marcvan o territio con de gnre e quarche pronn.